LA DIETA PLANK

LA DIETA PLANK
5 (100%) 1 vote[s]

Ormai oggi giorno, il mondo è pieno di diete che garantiscono risultati eccezionali in brevissimo tempo. Ma quanto fanno bene alla nostra salute? Funzionano davvero? In questo articolo oggi parleremo della dieta Plank, una tipologia di dieta che si è diffusa tramite il passaparola e il web. Non si sa esattamente come e da chi sia nata, le sue origini rimangono un mistero. La dieta Plank promette la perdita di perdere 9kg in due settimane e di mantenere i kg persi nel tempo, senza particolari restrizioni.

LA DIETA PLANK FUNZIONA?

Questa è una delle domande che tutti si pongono e vorrebbero sapere la risposta, sia per quanto riguarda questo tipo di dieta che per tutte le altre. Già da moltissimi anni si trovano su internet testimonianze di persone che, seguendola in modo rigoroso, sono riuscite a perdere il peso promesso. Sembrerebbe infatti che, a seconda della bravura delle persone a seguire la dieta, i kg persi in due settimane siano diversi. Ma perché la dieta Plank funziona? Perché si tratta di un regime alimentare fortemente ipocalorico e molto restrittivo, in cui vengono eliminati gli spuntini e tutta una serie di alimenti, come i carboidrati. Presenta una alta percentuale di proteine, mentre l’apporto di carboidrati viene tenuto molto basso e fornito solo da verdure e frutta. Unico “sgarro” consentito è la cena libera della domenica. E’ quindi immaginabile come un regime così restrittivo possa portare velocemente a una perdita di peso. Se fino alle prime due settimane sembra essere una perfetta, i problemi subentrano dopo, in quanto in diversi casi le persone riprendono quasi tutti i chili persi. Questo perché nessuna dieta, una volta conclusa, può garantirvi di non tornare ad ingrassare se ricominciate a mangiare male o troppo. La regola è quella per cui bisogna sempre mantenere una alimentazione sana e bilanciata, per evitare di riacquistare peso e per il bene della vostra salute. Quindi, la promessa della dieta Plank di non dover seguire nessuna fase di mantenimento al termine delle due settimane, non è assolutamente pensabile.  Essendo una dieta lampo è sconsigliata dalla maggior parte dei nutrizionisti, soprattutto perché il fai da te può portare a conseguente anche molto negative.

DIETA PLANK ORIGINALE

La dieta Plank originale promette, come accennato in precedenza, la perdita di 9kg in due settimane senza un periodo di mantenimento successivo. Essendo una dieta fortemente ipocalorica e iperproteica è al centro di numerose discussioni e critiche, anche se è una delle diete più seguite negli ultimi anni. Il menù della dieta non prevede nessuna sostituzione e come bevanda, oltre al caffè, è possibile bere solo acqua minerale naturale. In generale, lo schema dietetico prevede una colazione praticamente nulla per un paio di giorni a settimana, fatta solamente da caffè o tè non zuccherato, mentre per gli altri giorni è prevista una piccola porzione di carboidrati. A pranzo e a cena sono previste sempre proteine, con un apporto di carboidrati dato solamente dalla verdura, e un apporto di grassi molto basso. Non è consentito l’uso di olio o burro per condire o cucinare. La quantità di cibi da mangiare non è grammata, quindi se ne potrebbe mangiare quanto si vuole, ma essendo sostanze molto proteiche, il senso di sazietà arriva spesso con porzioni di medie dimensioni. La dieta quindi è incentrata su proteine di origine animale, come pollo, uova, bistecche, fa largo uso di caffè o tè, sostanza stimolanti del metabolismo, e non prevede spuntini.

MENU’ DELLA DIETA PLANK

Di seguito riportiamo il menù della dieta Plank che deve essere ripetuto in maniera identica la seconda settimana. I migliori risultati si ottengono seguendo in maniera molto rigorosa lo schema.

Lunedì

  • Colazione: caffè (senza zucchero) in quantità desiderata.
  • Pranzo: due uova sode con spinaci poco salati.
  • Cena: una bistecca o tre fette di arrosto con insalata verde e sedano

Martedì

  • Colazione: caffè (senza zucchero) e un panino.
  • Pranzo: una grande bistecca , insalata ed un frutto.
  • Cena: prosciutto cotto in quantità desiderata.

Mercoledì

  • Colazione: caffè (senza zucchero) e un panino.
  • Pranzo: due uova sode con insalata e pomodori.
  • Cena: prosciutto cotto ed insalata verde.

Giovedì

  • Colazione: caffè (senza zucchero) e un panino.
  • Pranzo: un uovo sodo, carote cotte o crude, formaggio svizzero.
  • Cena: frutta e yogurt naturale.

Venerdì

  • Colazione: caffè (senza zucchero) ed un panino.
  • Pranzo: pesce lesso e pomodori.
  • Cena: una bistecca ed insalata verde.

Sabato

  • Colazione: caffè (senza zucchero) ed un panino
  • Pranzo: pollo alla griglia
  • Cena: due uova sode e carote cotte o crude.

Domenica

  • Colazione: tè (senza zucchero) con limone.
  • Pranzo: una bistecca alla griglia e frutta a scelta.
  • Cena: libera

 

LA DIETA PLANK, OPINIONI E RISULTATI

 Dopo queste prime due settimane dovreste aver perso i kg sperati. A questo punto potete tornare alla normalità, in quanto la dieta Plank non prevede un periodo di mantenimento. Per evitare però di recuperare tutto in poche settimane è bene iniziare a condurre uno stile di vita più salutare, inserendo attività fisica e seguendo un regime alimentare sano e bilanciato. Non è pensabile non riacquistare peso mangiando senza ritegno e non svolgendo attività fisica. Infatti, leggendo le opinioni su internet, molti sono rimasti contenti della dieta poiché hanno perso i kg desiderati ma poi sono tornati al punto di partenza dopo pochi mesi. E’ sempre meglio affidarsi alle mani esperti di un Biologo nutrizionista prima di intraprendere diete fai da te, in modo che ti possa dare indicazioni precise e ti segua anche per mantenere il peso perso senza fatica e senza danni per la salute.

LA DIETA PLANK E’ CONTROINDICATA O PERICOLOSA?

Una dieta cosi drastica, con una riduzione importante dei carboidrati, non può non essere pericolosa. Solitamente nessun nutrizionista consiglierebbe una dieta di questo tipo, anche se, considerando il fatto che la dieta ha una durata di sole 2 settimane, difficilmente in un individuo sano potrebbe causare gravi danni, anche se può portare a stati di malessere. Inoltre, prima di seguire questa dieta, o qualsiasi altro tipo di dieta fai da te, è bene essere sicuri di non avere patologie che potrebbero aggravarsi con questo tipo di regime alimentare. Alcuni tipi di dieta similari possono essere utilizzate del nutrizionista, ma la differenza è che ci si affida alle mani di persone esperte, con un titolo di studio e competenti, che analizzano il caso nella sua completezza e tengono presente anche i valori delle analisi del sangue o eventuali patologie. Quindi, come detto in precedenza, è sempre bene affidarsi a dei professionisti. In linea generale sicuramente la dieta è sconsigliata per chi soffre di diabete, di patologie renali, nei cardiopatici, nelle donne in gravidanza o durante l’allattamento e in qualsiasi altro tipo di patologia accertata.